Alberoandronico

Pubblicato il vincitore della XII Edizione

NOTIZIE DA ALBEROANDRONICO.

La potenza immortale e perpetuante della poesia si palesa attraverso Lo sguardo del bardo, nel quale il poeta esalta la “stirpe” dei grandi del passato attraverso quaranta liriche, omaggio ad altrettanti immensi, da Catullo a Baudelaire, da Saffo a Pasolini, da Leopardi a Rilke, a Garcia Lorca e a molti altri.

Un percorso simbolico che passa tra aspirazioni terrestri ed eterei ricordi d’infanzia che da L’ultima danza, primo omaggio dedicato a Lermontov, conduce alla frase finale di Al di qua del filo spinato, al ricordo di Primo Levi: “Li osservo camminare dritti coi loro visi sporchi ed incavati e capisco: non sono loro gli stracci senza dignità di questo lager”.

È difficile rendere in poche righe il viaggio lirico di Nicola Perasso, le sue poesie sono intrise di cultura e raffinatezza. Nicola si fa fido custode di opere che hanno segnato la storia e offre ai lettori un’esperienza umana, emozionante e ricercata nelle sue continue evocazioni poetiche.

Il lavoro ha trovato il plauso unanime della Giuria della XII edizione del Premio nazionale Alberoandronico e, con pieno merito, viene pubblicato in questo volume, come riconoscimento al vincitore della sezione Sillogi inedite.

Lo sguardo di Alberoandronico ha saputo cogliere nell’autore, il bardo, cantore di immortali che annulla la dimensione temporale degli evocati, in un continuo richiamo allusivo di imitatio/aemulatio, in un gioco di metamorfosi metafisica.

Il Premio Alberoandronico è diventato un appuntamento per tutti coloro che si vogliono misurare in un confronto impostato alla massima trasparenza, che ha come obiettivo fare emergere le eccellenze e dare spazio e luce agli autori meritevoli.

Un evento che si sta imponendo come vetrina culturale per talenti giovani e meno giovani che si esprimono attraverso la poesia, la narrativa, la fotografia, i cortometraggi e la pittura.

Con le pagine di Perasso che andrete a leggere fra poco, si compie quindi, anche questa volta, una delle missioni dell’Associazione Alberoandronico, scoprire talenti e favorire un percorso di valorizzazione di opere piacevoli e di valore come Lo sguardo del bardo, anche presso il grande pubblico.

Condividi

Chiudi il menu